Madrid low cost

Madrid low cost. Vedere il meglio, spendendo poco!

Tags:

Madrid low cost? Ecco qualche consiglio per visitare e godersi il meglio di Madrid spendendo poco, anzi pochissimo!


Personalmente trovo che rispetto ad altre città spagnole Madrid sia tra le più care però ci sta, in fin dei conti è la capitale.
In effetti il costo della vita in sé e per sé non è altissimo, ciò che trovo un po’ caro è il costo delle attrazioni e dei monumenti.

Se volete vivere una Madrid low cost ci sono diverse possibilità: vi basterà avere voglia di camminare e di seguire qualche consiglio.
Buona lettura!

PASSEGGIARE PER I MERCATI DI MADRID

Una cosa divertente e totalmente free da fare in città è visitare i mercati: sono molto popolari, pieni di gente, veri e propri osservatori antropologici oltre che luoghi di compere.
Io ho avuto modo di visitarne tre.

El Rastro
Credo sia il mercato più antico e vasto di Madrid e si articola su numerose strade nei paraggi di Plaza de Cascorro e Calle de la Ribera de Curtidores fino ad arrivare alla porta di Toledo. In questo mercato domenicale troverete di tutto e soprattutto di incontrerete tantissima gente diversa: anziane signore, giovani baldanzosi, personaggi un po’ strambi e alternativi, famigliole, madrileni DOC e turisti. Ciò che mi diverte è proprio questa varietà di persone che a prescindere dal proprio stile e dalle proprie abitudini si ritrovano tutti insieme qua, alla domenica mattina.

Mercado San Antón
Situato nel cuore di Chueca, in calle Figueroa, è un luogo di perdizione per i palati più golosi. Sembra un supermercato di lusso e all’ultimo piano si trovano dei tavoli per mangiare (un po’ come il nostro Eataly). L’ingresso naturalmente è gratuito, mentre i prodotti temo non siano proprio a buon mercato; per tenere fede alla filosofia “Madrid low cost” dovrete guardare ma non toccare!
Battute a parte, purtroppo l’ho scoperto proprio prima di dover partire e ci ho fatto solo una scappata quindi non so dirvi se i prodotti siano convenienti o super cari però vi consiglio di farci un giro a caccia di gustosi souvenir di viaggio e poi sappiatemi dire!

Mercado San Anton Madrid

L’ingresso di San Anton su calle Figueroa

Mercado de San Miguel
Qui di barato (economico) non c’è nulla a meno che non sappiate resistere alle tentazioni ma vale la pena anche solo visitarlo. É un vero e proprio tempio del cibo e luogo di perdizione per chi come me combatte quotidianamente con la linea. Situato a pochi passi da plaza Mayor, vi colpirà immediatamente per la splendida struttura in ferro e vetro.
All’interno dovrete sgomitare anche solo per riuscire a vedere i banconi pieni zeppi di succulente e bellissime tapas. Ho incontrato parecchi madrileni ma mi è parso che i frequentatori di questo mercato siano per la maggior parte turisti, penso proprio a causa dei prezzi folli: figuratevi che il bocadillo de calamares (il tipico panino ai calamari) costa 9€ rispetto ai 2,5€ che costa in ogni altro locale di Madrid.

Mercado San Miguel Madrid

La struttura in ferro e vetro di San Miguel

I PANORAMI DI MADRID

Se c’è una cosa che amo fare a Madrid è proprio passeggiare per le strade con la testa all’insù per ammirare i meravigliosi palazzi che si susseguono uno accanto all’altro. Se volete cambiare prospettiva e guardare la città dall’alto potete scegliere tra diversi luoghi panoramici.

Il circolo di Belle Arti
La miglior vista panoramica su Madrid la si ha dalla terrazza nel Circolo di Belle arti.
La location è splendida: potrete mangiare al ristorante oppure trascorrere qualche ora di relax prendendo un aperitivo sdraiati all’ombra dei dehor che sono stati allestiti. Noi ci siamo stati nel pomeriggio quando batteva un sole cocente ma la sera deve essere magnifico. E se i madrileni ragionano come i milanesi scommetto che sarà uno dei posti più cool per bere qualcosa la sera!

Informazioni pratiche: il prezzo per accedervi è di 4€, e con 1€ in più potrete visitare anche il circolo.

Panorama sulla Gran Via dal Circolo dell'arte

Panorama sulla Gran Via dal Circolo dell’arte

Palacio de Cibeles (o Palacio de Comunicaciones)
Il palazzo è attualmente sede del Comune e del CentroCentro, un spazio culturale e di esposizioni.
È possibile salire all’ultimo piano per godere della magnifica vista sulla piazza sottostante e sulla Gran Via. In alternativa potete prendere un aperitivo sulla terrazza panoramica del bar: è una location di effetto ma i tavoli che realmente godono della vista sono pochi e se, come noi, vi ritroverete nelle retrovie l’unico panorama che potrete ammirare sono le schiene dei vostri vicini di tavolo.

Informazioni pratiche: accesso alla terrazza 2€; accesso al bar 6€ che vi verranno scalate dall’eventuale consumazione (i drink partono da 6€).

Cattedrale della Almudena
Da qui si gode di una fantastica vista sul Palazzo Reale e avrete la possibilità di visitare anche il museo di arte sacra collocato all’interno cattedrale. Il vantaggio di questo luogo che è poco frequentato; evidentemente sono in pochi quelli disposti a spendere così tanto per una bella vista.

Informazioni pratiche: l’ingresso alla cattedrale è gratuito mentre per salire dovrete pagare 6€.

Panorama dalla cattedrale dell'Almudena

Panorama dalla cattedrale dell’Almudena

IL PASEO DEL ARTE

Se siete appassionati di arte qui a Madrid avrete l’imbarazzo della scelta, in questa zona infatti si concentrano tre musei di rilevanza internazionale che immagino conosciate tutti: il Prado, il Thyssen-Bornemisza e il Reina Sofía.
Il prezzo dei singoli biglietti non è economico, il Prado costa 15€ mentre gli altri due 10€ a persona.
Ci sono però due opzioni per risparmiare.

Museo del Prado

L’ingresso del Museo del Prado

La prima è acquistare la tessera Paseo del Arte che, al prezzo di 26€, consente di accedere ai tre musei nell’arco di un anno.
Se invece volete tentare la fortuna, dopo una lunga coda, potrete accedere gratuitamente ai musei in alcuni orari: certo non riuscirete a visitarli da cima a fondo ma è sicuramente una buona occasione per averne almeno un assaggio.

Informazioni pratiche:
Prado: gratis dal lunedì al sabato dalle 18.00 alle 20.00. Domenica e festivi dalle 17.00 alle 19.00
Reina Sofia: lunedì e da mercoledì a sabato dalle 19.00 alle 21.00. Domenica dalle 14.30 alle 19.00

IL PALAZZO REALE & CO

Se siete degli appassionati di re e regine, principi e principesse, e siete a caccia di qualche intrigo di corte siete nel posto giusto. I reali di Spagna sono forse un po’ meno gossipati di quelli d’oltre Manica e la loro presenza non è così sentita nel Paese ma qui a Madrid dimenticarsi della reale famiglia è impossibile. Però non sperate di incontrarla qui: i reali vivono infatti al palazzo della Zarzuela, nei sobborghi di Madrid.

Palazzo Reale Madrid

Il Palazzo Reale visto dall’Almudena

Pettegolezzi e fantasie a parte, le tracce della monarchia, in termini di patrimonio architettonico e collezioni d’arte, sono molte e se volete vivere un po’ della magia reale potete visitare uno dei siti del Patrimonio Reale. A Madrid ce ne sono tre.

Il Palazzo Reale
In questo palazzo, attraversando le sue magnifiche sale, avrete modo di toccare con mano l’opulenza e il fasto della monarchia. Il palazzo è visitabile al prezzo di 11€; le sale aperte al pubblico non sono molte e in questo periodo è purtroppo chiusa la farmacia reale a causa di alcuni lavori di ristrutturazione. Vietatissimo fare foto degli interni: troverete dei veri e propri mastini a far rispettare la regola, pronti addirittura a cancellare le foto dei più furbetti. Vi consiglio vivamente di acquistare biglietti online per evitare le lunghe code alla biglietteria; armandovi di santa pazienza potrete però accedere gratuitamente al palazzo dal lunedì al giovedì dalle 16.00 alle 18.00 in bassa stagione e dalle 18.00 alle 20.00 da aprile a settembre.

Lo scalone del Palazzo Reale

Lo scalone del Palazzo Reale, unica zona fotografabile!

Monasteri “reali”
Fanno parte del Patrimonio Reale anche due monasteri, quello de Las Descalzas Reales e quello della Encarnación che ospitano importanti opere d’arte. Il prezzo per l’ingresso è di 6€ ciascuno ma entrambi sono visitabili gratuitamente il mercoledì e il giovedì dalle 15.00 alle 18.00 in inverno e dalle 17.00 alle 20.00 da aprile a settembre.

Se avete voglia di prendere un treno potreste anche spingervi fuori Madrid per visitare l’Escorial o Aranjuez; Io avevo previsto di visitare entrambi ma poi ha prevalso la voglia di goderci Madrid con calma, girovagando per le sue strade.

LA STAZIONE DI ATOCHA

Durante il vostro soggiorno a Madrid trovate il tempo per visitare questa incredibile stazione. Nata nel 1851, fu ampliata nel 1888 secondo il progetto elaborato nientepopodimeno che da Gustav Eiffel, quello della torre, e Alberto del Palacio, a cui si deve il palazzo di cristallo del Retiro.

arco in ferro e vetro di Atocha

Il grande arco in ferro e vetro di Atocha

Grazie a questi due progettisti il risultato è davvero strabiliante e nella grande piazza antistante spicca il grande arco in ferro e vetro sormontato da un globo attorno a cui poggiano delle figure mitologiche con il corpo di leone e la testa di aquila.

Oltre alla magnifica struttura esterna ciò che sorprende di questa stazione è la presenza al suo interno di un giardino tropicale. Per sopravvivere queste piante hanno bisogno di molta umidità quindi l’aria non è particolarmente fresca ma passeggiare tra i vialetti alberati di questa stazione è davvero un’esperienza. Non dimenticatevi di fare un salto nel piccolo stagno antistante al giardino tropicale popolato da un’infinità di tartarughe acquatiche.

Giardino tropicale alla stazione Atocha

L’incredibile giardino tropicale

Atocha è tristemente nota anche per l’attentato dell’11 marzo 2004 in cui persero la vita ben 191 persone. Nel 2007 fu eretto un monumento commemorativo progettato dallo studio di architettura FAM.
Dall’esterno della stazione è visibile solo un cilindro in vetro sulle cui pareti interne sono stampati messaggi dedicati alle vittime. L’accesso si trova all’interno della stazione ma purtroppo noi non siamo riusciti a trovarlo… Non ci sono indicazioni e abbiamo scoperto online che il lunedì està cerrado, quindi abbiamo desistito. (orari: da martedì a domenica dalle 11.00 alle 14 e dalle 17.00 alle 19.00)

Le rane alla stazione Atocha

La colonia di rane

SHOPPING A MADRID

Madrid pullula di negozi di ogni genere con prezzi molto più abbordabili rispetto a quelli a cui siamo abituati in Italia. Sta a voi decidere il budget da investire.
Se siete in vena di spese pazze la vostra destinazione sarà il quartiere di Salamanca, in cui si trovano le boutique di lusso e le grandi griffe internazionali. Nelle zone di Sol, calle Mayor, Gran Via e Fuencarral i negozi sono invece alla portata di tutte le tasche. Il quartiere di Chueca offre invece negozi più particolari e alternativi.
Certo, la moda e lo stile spagnolo non sempre corrispondono al nostro ma con un po’ di tempo e pazienza riuscirete sicuramente a togliervi qualche soddisfazione.
Se volete qualche dritta su dove fare shopping a Madrid potete leggere l’articolo dedicato.

Un negozio a Chueca Madrid

Un negozio a Chueca

RELAX NEI PARCHI DI MADRID

Madrid è la città della movida, piena di gente in frenetico movimento a qualsiasi ora del giorno e della notte (siesta esclusa); non mancano però gli spazi in cui ritagliarsi dei momenti di tranquillità e calma.

Il Parque del Retiro
È “IL” parco di Madrid, il più famoso e vasto della città. I suoi giardini sono affollatissimi di turisti ma soprattutto di madrileni che vivono questi giardini come un luogo di villeggiatura.

Relax al Parque del Retiro

Al Retiro c’è chi si rilassa al lago…

C’è chi corre e chi sta spaparanzato in costume da bagno come al mare, chi legge un libro sulle panchine e chi sonnecchia all’ombra di un albero, chi fa un picnic e chi invece sta comodamente seduto al bar, chi fa un corso di ballo e chi gioca a pallone, chi pagaia sulle barchette nell’Estanque Grande (il laghetto di fronte al Monumento di Alfonso XII), chi dà mangiare alle rane davanti a Palazzo di Cristallo e chi si gode una mostra al Palacio de Velázquez.
Insomma varcare i cancelli del Retiro significa essere in vacanza.

Ballo al parque del Retiro

… e chi si cimenta in un corso di ballo

I giardini del Campo del Moro
Qui è piacevole passeggiare per i vialetti godendosi il bel panorama sul Palazzo Reale.

I giardini del Campo del Moro a Madrid

Il Palazzo Reale visto dai giardini

Raggiungerli è un po’ scomodo perché c’è un unico ingresso (che corrisponde anche all’uscita) e vi toccherà quindi scarpinare fino al Paseo de la Virgen del Puerto per accedervi.
Forse proprio a causa di questa difficoltà sono tranquilli e frequentati (poco) per lo più dai turisti.
Turistico al 100% ma divertente è soffermarsi a giocare con i pavoni all’Estanque de Carruajes: sono molto socievoli e chiacchieroni e senza troppa difficoltà riuscirete quasi ad accarezzarli.

Relax al Campo del Moro

Relax al Campo del Moro

Il tempio di Debod
Un altro parco piacevole e tranquillo è quello che circonda il Tempio di Debod, il tempio egizio che fu trasportato dall’Egitto a Madrid nel 1968. Il tempio è sicuramente più suggestivo la sera, con le luci che illuminano le pietre e si riflettono sulla acqua. Se vi interessa l’archeologia potrete anche entrare gratuitamente nella sala interna del corpo principale.
Se però cercate un posto in cui magari schiacciare un pisolino per riposarvi dopo una lunga camminata i giardini che circondano il tempio sono l’ideale.

Il Tempio di Debod

Il grattacielo di Plaza de España fa da sfondo al tempio egizio

PASSEGGIARE SENZA META PER LE STRADE DI MADRID

Madrid è un museo a cielo aperto, è una città che va vissuta e scoperta con calma e non c’è modo migliore per farlo se non percorrendo a piedi le sue strade. Munitevi di scarpe comode perché vi aspettano chilometri e chilometri ma solo così riuscirete a innamorarvi di questa città così viva ed effervescente.
Ogni quartiere ha le sue particolarità: la Gran Via, con i suoi palazzi mastodontici, è imponente e caotica, il quartiere di Salamanca elegante e raffinato, il barrio del Las Letras romantico e un po’ decadente, Sol e Plaza Mayor sono piene di vita e musica, fredda e moderna la Plaza de Colon e il paseo de la Castellana.
Madrid è una città dai mille volti, dovrete solo essere pronti a scoprirli tutti.


Madrid low cost? Ecco qualche consiglio per visitare e godersi il meglio di Madrid spendendo poco, anzi pochissimo!

#madrid #spagna #spenderepoco #lowcost #vacanzelowcost #consiglidiviaggio #travelblogger #viaggiare #traveltips #cosafare #cosavedere

12 Comments
  • Elisa
    Inserito il 07:40h, 17 luglio Rispondi

    Interessante! Mi sono letta anche gli altri articoli. Ho in programma un weekend lungo a Madrid 🙂

    • Federica
      Inserito il 09:55h, 17 luglio Rispondi

      Ottimo programma e cerca di rimanerci almeno 3 o 4 giorni!

  • Cassandra - Viaggiando A Testa Alta
    Inserito il 08:49h, 17 luglio Rispondi

    Che bella Madrid. E’ da un po’ che mi ronza in testa l’idea di farci un weekend, dovrò decidermi prima o poi. Mi piace molto il Giardino Tropicale.

    • Federica
      Inserito il 09:54h, 17 luglio Rispondi

      Se non ci sei ancora stata devi assolutamente rimediare! Madrid è una città molto vivace e divertente, e dopo la prima volta ti verrà subito voglia di tornare!

  • Serena
    Inserito il 09:53h, 17 luglio Rispondi

    Madrizzz (come la chiamano i madileni) mi è rimasta nel cuore. E’ una città meravigliosa, che va vissuta per apprezzarla del tutto. E poi le domeniche al parque de retiro sono le migliori, in totale relax 🙂

    • Federica
      Inserito il 09:57h, 17 luglio Rispondi

      Esatto!Il Retiro è un luogo molto vissuto a differenza di parchi di altre città che sembrano dei musei…

  • selene
    Inserito il 08:21h, 20 luglio Rispondi

    Che bella Madrid! Ci sono stata tre volte, ma ci tornerei subito! è l’unica città senza mare dove riuscirei a vivere tranquillamente! Bell’articolo e consigli interessanti! 😉

    • Federica
      Inserito il 08:28h, 21 luglio Rispondi

      Sono d’accordo con te, lo stile di vita di Madrid mi calza a pennello!

  • Oltre le parole
    Inserito il 21:53h, 15 dicembre Rispondi

    Ottimi consigli per una Madid low coast! Questa usanza di mettere l’ingresso gratuito ai musei solo in alcune fasce orarie e solo in alcuni giorni deve essere tipicamente spagnola. Anche a Malaga funzionava esattamente così!

    • Federica
      Inserito il 19:15h, 19 dicembre Rispondi

      Grazie! È una pratica anche molto civile! Peccato che ovviamente la gente sia tantissima e quindi non sia sempre facile entrare…

  • elisa
    Inserito il 09:31h, 29 giugno Rispondi

    Ho vissuto a Madrid qualche anno fa e mi ha rapito il cuore.. rivedere in queste foto strade che percorrevo abitualmente mi ha colpita un sacco! La verità è che Madrid è bella tutta secondo me… piena di angoli e scorci che non ti aspetti, di diversità, colori. La adoro.

    • Federica
      Inserito il 14:37h, 04 luglio Rispondi

      Elisa hai proprio ragione… Io ci sono stata solo due volte e per pochi giorni ma credo che Madrid sia una città da vivere il più possibile per la strada, tra i locali e le persone. Solo così si coglie la vera essenza della città. Beata te cha hai potuto farlo davvero!

Vuoi lasciare un commento?