Viaggi on the road: scegliere l'auto

5 imperdibili viaggi on the road in Europa

Esiste modo migliore di un viaggio in auto per scoprire l’Europa? Non credo! Ed ecco allora 5 viaggi on the road in Europa per godersi al meglio le meraviglie del vecchio continente: dalla Spagna ai Paesi Scandinavi, passando per i Balcani.


L’Europa è un continente magnifico, ricco di mete interessantissime e molto diverse tra loro; per conoscerle tutte non basterebbe una vita ma se avete una o due settimane a disposizione potreste cominciare scegliendone un pezzettino da esplorare con un bel viaggio on the road.

Rispetto ai viaggi in aereo o in treno quelli in auto o in moto consentono grande flessibilità e libertà di movimento, permettendoci di adattare l’itinerario in base alle sensazioni del momento e soprattuto di apprezzare e conoscere anche ciò che si nasconde tra una destinazione e l’altra.
E poi organizzare un viaggio on the road è divertentissimo: basta aprire Google Maps e decidere una destinazione per cominciare il viaggio stando seduti alla scrivania!

Appena ci è possibile Marco ed io prendiamo la macchina e partiamo ma abbiamo ancora tanta Europa da scoprire; così ho chiesto aiuto ai miei #amicidiblog di raccontarmi dei loro viaggi.
Le loro esperienze mi hanno entusiasmata e sono sicura che piaceranno moltissimo anche a voi.

Quindi, non indugio oltre e vi lascio ai loro suggerimenti per dei fantastici viaggi on the road in Europa!

 

mondovagandosenzameta logoViaggio on the road nei Paesi scandinavi

Lucia Scalzo
Mondovagando senza meta
Il viaggio on the road in Scandinavia è stato in assoluto uno dei più belli della mia vita. Abbiamo percorso oltre 3000 km in 16 giorni, attraversando 3 stati, in un cerchio immaginario che ho tanto sognato su carta prima di metterlo su strada.

Abbiamo raggiunto in aereo Copenaghen e noleggiato un’auto. Attraversando la Nazione ci siamo innamorati della Danimarca: lunghe distese verdi e gialle e borghi usciti dalle favole… non per nulla Andersen è nato ad Odense!
Casette basse, castelli, corsi d’acqua e panorami sconfinati ci hanno accompagnato fino a Hirtshals, passando per Roskilde, Jelling e Aarhus.

Viaggi on the road Europa _ Paesi scandinaviIn traghetto abbiamo raggiunto la Norvegia. Acqua ovunque, in mille forme diverse: cascate, fiumi, fiordi, mare, laghi… prati verdi con pecore e mucche al pascolo, montagne alte, ghiaccio, sole… Attraversare la Norvegia in auto è stato  particolarmente suggestivo: non solo per la possibilità di fermarsi ogni qual volta si nota uno scorcio che si vuole ammirare con calma ma sopratutto per l’opportunità di trascorrere ore ed ore ad osservare il mondo che scorre davanti a voi fuori dal finestrino e notare come repentinamente può cambiare il panorama. Immaginate la mia sorpresa quando nel giro di pochi minuti siamo passati da un fiordo assolato ad un lago completamente ghiacciato!
Durante il viaggio abbiamo visitato molte Stavkirke, tipiche chiesette in legno norvegesi, siamo saliti in vetta ai Preikestolen, abbiamo percorso la Strada Atlantica, ci siamo fermati a fare un picnic vista fiordo a Flam, fatto una crociera sul fiordo di Geiranger e su quello di Bergen, paesino davvero affascinante, il cui centro storico, Bryggen, è completamente in legno. Abbiamo poi attraversato la Norvegia  in orizzontale fino ad Oslo, la sua capitale un po’ sottovalutata. E’ vero che i fiordi sono un contatto intimo con una natura che appare infinita agli occhi e che difficilmente lascerà spazio ad emozioni più forti, ma, nonostante tutto, Oslo è una città gradevole e con tantissime cose da vedere, primo fra tutti il nuovo porto, Aker Brigge, ed il parco Vigeland.

Viaggi on the road Europa _ Paesi scandinaviCon Oslo lasciamo la Norvegia e raggiungiamo la Svezia: percorriamo la sua costa fermandoci a Tanum, dove sono state rinvenute una serie di incisioni rupestri davvero interessanti, e alle due città di Goteborg e di Malmo, con il suo Turnig Torso, visibile fin da Copenaghen.
Attraversando il Ponte di Oresund ritorniamo in Danimarca e chiudiamo il cerchio a Copenaghen. E ora, dopo due anni, riesco solo a dire che ripartirei domani!

 

Rafa around the world-Logo

Viaggio on the road in Andalusia

Raffaella Bertolin
Raffaella Around the world
Una distesa di colline ricoperte di ulivi, una strada quasi deserta che l’attraversa, nel cielo azzurro un sole splendente. Questo è lo scenario perfetto per un viaggio on the road in Andalusia.
Per il suo clima piuttosto secco, per la conformazione geografica, per i costi contenuti e per la bellezza delle sue città, l’Andalusia è una destinazione perfetta per essere scoperta con un viaggio on the road.

Questo tour dell’Andalusia parte da Malaga. Qui è possibile arrivare scegliendo uno dei tanti voli low cost che collegano l’Italia con questo angolo di Spagna. Qui è possibile noleggiare un’auto ad un ottimo prezzo. Da qui ci mettiamo subito in cammino e in poco più di un’ora arriviamo a Granada.

Granada è la città dell’Alhambra, la città dei contrasti: così calda in estate e così fredda in inverno data la vicinanza con la Sierra Nevada. Le influenze arabe qui caratterizzano tutto il centro della città e il bellissimo quartiere Albaicin, arroccato su di una collina con una vista privilegiata sull’Alhambra.

Alhambra GranadaRipartiamo da Granada per raggiungere Siviglia. Lungo il percorso ci fermiamo a Cordoba per visitare il suo prezioso centro storico. La Mezquita e la Juderia ci raccontano di tempi lontani e ci fanno sognare mentre percorriamo le strette viuzze e spiamo i famosi cortili dove vengono appesi vasi di fiori dai vivaci colori.

Non c’è tempo da perdere, Siviglia ci aspetta. La capitale andalusa è elegante e maestosa. La piazza principale sulla quale si affaccia la cattedrale con la Giralda e l’Alcazar danno un’idea dei fasti passati. Imperdibile un’immersione nel Barrio Santa Cruz, il quartiere labirinto dove è nato il flamenco.

Viaggi on the road SivigliaMa non finisce qui. L’Andalusia non è solo la terra delle grandi città, ma è anche Cadice, Arcos de la Frontera, Tarifa e Ronda. L’Andalusia è fatta di piccole cose, villaggi, piccole valli, spiagge deserte tutte da scoprire perdendosi per le sue strade.

 

Walking the imaginary line logo

Viaggio on the road a Lanzarote

Rocio Novarino
Walking the imaginary line
Lanzarote è la quarta isola più grande dell’arcipelago delle Isole Canarie, un’isola selvaggia e tranquilla, frequentata per la maggiore da famiglie e da chi cerca relax.
Il migliore modo per scoprire questo luogo patrimonio dell’UNESCO è il classico e mai noioso on the road con l’auto.
Girare in auto o in moto l’isola è sicuro e facile e le strade principali sono poche e scorrevoli.
Noi ci viviamo da qualche anno e quindi ecco i miei consigli per un bell’itinerario di viaggio.

NORD dell’isola
Dirigersi verso il Nord dell’isola fino al Mirador del Rio. Fermarsi e sorseggiare un tè di fronte alla magnifica vista su La Graciosa, l’isola di fronte raggiungibile con un piccolo traghetto: è uno degli scorci più emozionanti di Lanzarote e regala grandi ispirazioni.
Proseguire verso Haria, un paesino molto caratteristico e sede della casa di Cesar Manrique, lo scultore ed ecologista che diede forma ad un turismo non contaminato e di protezione del territorio. La visita alla sua casa vale una sosta.
Proseguire verso Arrieta sostando al Mojon Blanco, la nostra spiaggia preferita dove fare un bagno o camminare in mezzo a bianche dune di sabbia, raggiungendo poi lo Jameos del Agua e la Cueva de Los Verdes per scoprire la storia dell’eruzione vulcanica che tantissimi anni fa creò questi due tunnel sotterranei comunicanti tra loro.
Infine raggiungere Guatiza e fermarsi al Jardin de Cactus se amate le piante oppure recarsi ad Arrieta, una cittadina sul mare abitata da pescatori e ricca di ristoranti specializzati in pesce.

Viaggi on the road Europa _lanzaroteSUD dell’isola
Fermarsi a La Geria, la particolarissima zona vinicola caratterizzata dai tipici vigneti circolari e arrivare poi al più famoso punto di interesse dell’isola: il parco Timanfaya, dove si concentra la maggior parte dei vulcani dell’isola e che alcuni definiscono territorio lunare per il suo colore rossiccio e per la distesa immensa di pietre.
Proseguendo a sud verso Playa Blanca regalatevi altri tre momenti di sosta.

Viaggi on the road Europa _ lanzarote la geriaIl primo è El Golfo, un caratteristico villaggio di pescatori dove gustare del buon pesce fresco e dove ammirare un lago verde in riva al mare.
Il secondo, Los Hervideros, una località caratterizzata da scogliere rocciose percosse delle onde impetuose dell’Oceano Atlantico che ricordano un vulcano d’acqua quando il mare è particolarmente mosso.
Terzo, Las Salinas de Janubio, ovvero le saline ancora in piena attività tutto l’anno.
Infine Playa Blanca all’estremo sud dell’isola, paese esclusivo e di maggior turismo grazie anche alla presenza della spiaggia più famosa, Playa Papagayo. Per raggiungerla bisogna attraversa una strada sterrata, però vi assicuro che merita lo “sforzo”.

 

Viaggia che mangi logo

Viaggio on the road nei Balcani occidentali

Selene Scinicariello
Viaggi che mangi

Nell’estate del 2017 io e il mio compagno siamo partiti per quello che sarebbe stato uno dei viaggi più belli della nostra vita.

Siamo stati via poco meno di un mese, abbiamo attraversato sei Nazioni e visitato più o meno 20 tra città e borghi.

Il nostro viaggio on the road nei Balcani occidentali ci ha portati alla scoperta di Slovenia, Croazia, Bosnia ed Erzegovina, Montenegro, Albania e Macedonia.
Ogni giorno lungo la strada abbiamo avuto modo di sorridere, stupirci o commuoverci.
Quelli che abbiamo visitato sono luoghi meravigliosi, che hanno lasciato in noi la voglia di tornare lì il prima possibile.

Viaggi on the road Europa -BalcaniSe volete organizzare un viaggio on the road nei Balcani occidentali quello che vi occorre è il tempo.
Per attraversare più Paesi considerate almeno una ventina di giorni, altrimenti valutate l’idea di circoscrivere il vostro viaggio ad una sola Nazione.
I Paesi che abbiamo toccato durante questo on the road sono meno cari dell’Italia, la benzina ha un prezzo inferiore, così come il costo della vita. Se sceglierete di alloggiare nelle Guest House dormirete anche con meno di 40 euro a notte.
Le strade non sono sempre facili da percorrere: vi capiterà di guidare anche su sterrati, ma le cose che vedrete durante il percorso vi ripagheranno di tutta la “fatica”.
Portatevi dietro un kit di riparazione in caso, sfortunatamente, doveste bucare.
Spesso le indicazioni non esistono, perciò consiglio di scaricare la mappe offline di Google Maps. Se vi piacciono le mappe cartacee, poi, averne una male non fa!

Consigliarvi cosa vedere e cosa fare non è facile, ma posso dirvi di dedicare almeno uno o due giorni alla scoperta delle grotte slovene (Postumia e San Canziano), uno ai bellissimi Laghi di Plitvice in Croazia, alcuni alla speciale città di Mostar in Bosnia ed Erzegovina, alle Bocche di Cattaro in Montenegro, al mare cristallino dell’Albania e ai suoi meravigliosi  piccoli borghi (Berat e Krujë ad esempio) e altrettanti per andare alla scoperta dell’inaspettato Lago di Ohrid in Macedonia.

 

Bretagna on the road: l’idea di Ti chiamo quando torno

Gli habitué di questo blog conoscono bene la mia passione per i viaggi on the road: durante il periodo dell’università ho fatto dei lunghi road trip in Spagna e in Thailandia mentre negli ultimi anni, dovendo fare i conti con i pochi giorni di ferie a disposizione, mi sono concentrata su zone più vicine all’Italia come la Francia, visitando l’Alsazia, la Costa Azzurra e la Bretagna, un viaggio a cui sono molto affezionata e che mi ha spinto a iniziare questo blog.

Immaginavo la Bretagna come un luogo un po’ cupo e triste, dal clima freddo e uggioso ma a farmi superare il pregiudizio e a condurmi fin lì è stato il desiderio di visitare Mont Saint Michel, il mio sogno di sempre.
Mont Saint Michel (che è in Normandia per la verità) non ha tradito le aspettative riuscendo addirittura a superarle: ho avuto la fortuna di trovare pochissimi turisti e di visitarla di notte oltre che di giorno e il tramonto sulla sabbia argentata che circonda il monte mi ha regalato un’emozione immensa.

Tramonto su Mont Saint Michel

Il paesaggio lunare al tromonto

E così ho scoperto una regione piena di sorprese di cui mi sono perdutamente innamorata.

Lontana, seppur geograficamente vicina, dallo snobismo e dal caos della capitale, in Bretagna si respira aria di Francia, nella sua forma più genuina e pura, e vi si ritrovano l’eleganza, i raffinati profumi e i golosi sapori che rendono questa nazione celebre nel mondo.
Ho incontrato moltissime persone gentili, educate, estremamente accomodanti verso gli stranieri, serene e rilassate – sempre attentissime a rispettare i limiti di velocità! – il cui modo di vivere rispecchia perfettamente l’atmosfera placida di questa regione.

La Bretagna è nota per la sua natura imponente e selvaggia, che cambia ad ogni manciata di chilometri.
Le onde spumose che si infrangono sulle scogliere di Pointe du Raz e Pointe du Groin, le ripide falesie di Cap Fréhel e Pointe Saint-Mathieu, le repentine maree che trasformano il paesaggio marino delle baie di Mont Saint Michele e Saint Malò in una argentea superficie lunare svelando i campi di ostriche e di molluschi, le foreste incantante del Brocéliande popolate da maghi e fate, le paludi di Redon, le bianche dune di sabbia di Karemma, le luccicanti saline di Guérande sono solo alcuni dei meravigliosi spettacoli a cui assistere in Bretagna.

I fari di Cap Fréhel

I fari di Cap Fréhel

Il mare, il vento e la vegetazione rigogliosa sono gli elementi naturali che caratterizzano questa regione francese in cui si inseriscono armoniosamente pittoreschi borghi e suggestive cittadine come Rennes, Fougeres, Vitrè, Locronan, Saint Malò, Dinan, Saint Suliac, Pointrieux, Landernau, solo per citarne alcune.

E ancora gli imponenti castelli, le decadenti abbazie, gli alti fari che guidavano i marinai fino ai millenari e misteriosi dolmen e menhir che testimoniano la presenza dell’uomo in questa zona sin dai tempi remoti.

Riassumere in poche righe il fascino di questo angolo d Francia è un compito arduo ma se vi venisse voglia di partire per un viaggio on the road in Bretagna vi consiglio di visitare la sezione dedicata del blog, ne troverete delle belle!

 

6 Comments
  • Anna
    Inserito il 12:34h, 22 marzo Rispondi

    Quante belle idee per un on the road! Noi l’estate scorsa abbiamo fatto Trieste – Slovenia – Croazia, quest’anno dedicheremo due settimane al Portogallo! Ma farei tutti quelli che avete consigliato!!

    • Federica
      Inserito il 09:46h, 23 marzo Rispondi

      Ti capisco! A volte scegliere la destinazione è difficile! Ci sono così tanti posti che vorrei vedere che sceglierne uno scartandone altri è una vera sofferenza 🙁
      Se potessi partirei senza una destinazione precisa e girerei un po’ ovunque!
      Per ora buon Portogallo!

  • Alessandra
    Inserito il 18:00h, 22 marzo Rispondi

    Che viaggi meravigliosi! Quello in nord Europa mi ha fatto affiorare dei bellissimi ricordi dato che, in viaggio di nozze, siamo stati alcuni gg a Copenaghen e poi siamo partiti x una crociera lungo i fiordi norvegesi. Ci piacerebbe un giorno tornare in auto per goderci di più quei luoghi. Anche la Bretagna mi attira… Una descrizione bellissima che mi ha fatto volare con la fantasia!

    • Federica
      Inserito il 09:51h, 23 marzo Rispondi

      Alessandra grazie mille per il tuo apprezzamento! La Bretagna mi ha lasciato un così bel ricordo che parlarne mi riempie di gioia!
      Ultimamente invece mi sta attirando molto il nord… Generalmente preferisco le zone miti ma leggo racconti sul nord talmente belli che ci sto facendo un pensierino 🙂

  • GLORIA MERLIN
    Inserito il 14:14h, 24 marzo Rispondi

    queso post è meravgioso! le mete che hai scelto sono particolari e le blogger citate uniche! Un mix perfetto che consiglio davvero!

    • Federica
      Inserito il 10:17h, 26 marzo Rispondi

      Grazie Gloria! In effetti le mie amiche blogger hanno dato degli spunti davvero interessanti e sicuramente prenderò spunto anche io dai loro viaggi!

Vuoi lasciare un commento?